orientamento

Che cosa è l’orientamento?

L’orientamento è un’attività di consulenza finalizzata ad individuare i percorsi di studio, formazione o lavoro che rispondono maggiormente alle esigenze dell’utente.   

Si tratta di un percorso maieutico e non costituisce una mera attività di consulenza che non si esaurisce in un mero trasferimento di conoscenza dall’orientatore alla persona che fa richiesta del servizio. Si tratta piuttosto di un processo che aiuta a riflettere sui propri interessi, ambizioni, qualifiche e competenze, al fine di comprendere meglio come la persona possa evolversi dal punto di vista umano e lavorativo.

Molte sono le definizioni di orientamento nella nostra normativa. Mi sembra che però la più lucida di queste sia quella contenuta nell’accordo di conferenza unificata sull’orientamento permanente del 20 dicembre 2012 che definisce l’orientamento come

“un processo volto a facilitare la conoscenza di sé, del contesto formativo, occupazionale, sociale culturale ed economico di riferimento, delle strategie messe in atto per relazionarsi ed interagire in tali realtà, al fine di favorire la  maturazione e lo sviluppo delle competenze necessarie per poter definire o ridefinire autonomamente obiettivi personali e professionali aderenti al contesto, elaborare o rielaborare un progetto di vita e sostenere le scelte relative”.

Accordo sull’Orientamento Permanente 20/12/2012

 Pertanto, l’orientamento è:

  • un processo, ossia qualcosa che accade ad due o più persone in relazione. Non è un trasmissione di conoscenze, e non è nemmeno il risultato dell’attività orientativa. L’orientamento è qualcosa che accade tra due persone (l’orientatore e la persona in orientamento) o in un gruppo, che determina un cambiamento;
  • tale processo è finalizzato ad una acquisizione di conoscenza. Non di una conoscenza astratta: la persona in orientamento è chiamata ad approfondire la conoscenza di sé stesso in relazione al constesto (sociale, formativo, occupazionale, culturale, economico) nel quale si trova o nel quale intende andare a collocarsi.
  • si tratta di una conoscenza che non è fine a se stessa, ma che ha la funzione di aiutare la persona a definire o ridefinire obiettivi personali e professionali in maniera autonoma, collocarli in un progetto di vita
  • infine, l’attività orientativa è finalizzata a fornire sostenere l’azione che discende dalla conoscenza orientativa e dalla progettazione che sulla conoscenza è stata fondata.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *